immagine-halloween-a-cosa-ti-serve-indossare-una-maschera

Halloween: a cosa ti serve usare una maschera

Con questo articolo non voglio analizzare Halloween, ma fare un’analisi sulla funzione della maschera e a cosa ti serve indossarne una.

Premetto che non deriva da una ricerca ma da una riflessione che ho fatto proprio in questi giorni mettendo assieme diverse idee e osservazioni.

Vuoi essere te stesso?

“togliti la maschera”
“giù la maschera”
“voglio scoprire cosa c’è dietro la maschera”

Quante volte hai sentito almeno una di queste frasi?

 

Di solito si tende a pensare che le persone (si’, noi, compresi io e te) abbiano una maschera quando sono in pubblico ma in realtà i loro pensieri, desideri, valori siano altri.

Il contesto incide moltissimo sul comportamento dell’individuo (non sto qui a rimbambirti con tonnellate di link e riferimenti letterari):
chi cerca di venderti un’idea differente forse non si rende conto nemmeno di dove vive, potrei partire da un’analisi sull’occidente e lo sviluppo dell’individualità, ma questo è un altro film..

Per supportare, superare e gestire alla meno peggio – o al meglio, dipende dai punti di vista – le relazioni di cui ti circondi, assumi un Ruolo, che per forza e per fortuna è diverso in base alla situazione:

essere amorevole e/o troppo indulgente ha senso se sei a casa con la tua famiglia, mentre diventa un problema se lo stesso comportamento lo riporti nel lavoro:
hai presente Fantozzi?

Hai la percezione che quando sei al lavoro si approfittano troppo di te?
opppsssss!

O forse proprio il lavoro ti costringe a comportarti..
NOTA BENE: ho detto comportarti, non Essere!
Passa un oceano in mezzo a queste due definizioni.

Stavo dicendo,
forse proprio il lavoro ti fa comportare.. da stronzo.

Forse perché hai un gruppo disorganizzato, perché il tuo boss è ossessivo/compulsivo, perché il tuo settore è iper-competitivo.

Insomma,
se vuoi portare a casa la pagnotta, devi agire in un certo modo. Punto.

Ti devi adattare alle circostanze.

Fin qui potrebbe andar tutto bene, o quasi, ma il problema sorge quando un modo di agire lo trasporti in un altro contesto:
non puoi continuare a fare il commercialista con i tuoi figli e con i tuoi clienti non puoi fare il cazzone di turno della partita di calcetto.
Mi segui?

Come ne usciamo..

Perché esiste il carnevale?

Non parto dalle origini antiche delle maschere, non basterebbe un post e sicuramente nemmeno un libro, per il nostro scopo basta una piccola analisi.

Il carnevale a Venezia, ad esempio, serviva a creare una sorta di livellamento sociale:
per farla breve e semplice, serviva da valvola di sfogo delle classi sociali più basse.

Immagina tutte le tensioni, ferite, frustrazioni, cose non dette che accumuli:
a livello individuale sfociano sull’alcol, sport, droga, sesso…
a livello sociale, per tenere sotto controllo tutto ciò, viene creata una finestra con dei tempi ben definiti.

Un esempio il calcio.

Il carnevale quindi, e perché no anche Halloween, ti dà la possibilità di esternare con molti meno filtri sociali chi sei e come ti senti.

La funzione di Halloween riguarda anche altre cose, come esorcizzare un certo tipo di paura, ma non è questo il punto.


Esorcizzare la paura con una maschera e/o un rito

Anche il buon vecchio Jodorowsky dice che se vuoi superare la paura, devi diventare la paura stessa.
Ti consiglio di vedere il suo film, tratto dall'omonimo libro "La Danza della Realtà"

 

P.S.
Se vuoi scoprire il mondo di Jodorowsky, qui sotto ecco il libro dal quale il film è tratto.
Secondo me un'opera imperdibile e da leggere PRIMA di vedere il film.

Vuoi saperne di più?
Clicca sull'immagine qui sotto

immagine-la-danza-della-realta


Dicevamo di Halloween, carnevale e maschere..

Abbiamo detto che queste feste sono organizzate per dare spazio a determinati bisogni interiori:
io aggiungo che se partecipi con consapevolezza hanno qualcosa di terapeutico.

Ora mi spiego, ma prima rispondi a questa domanda:

qual è il tuo supereroe preferito?

immagine-halloween-a-cosa-ti-serve-usare-una-maschera

..non fare il furbo, se non hai un supereroe preferito, avrai sicuramente un cantante, un attore o un personaggio pubblico preferito, non fa differenza.

..e perché non fa differenza?

Perché nel NOSTRO CASO, queste figure hanno tutte una valenza simbolica:
servono ad identificarci, attraverso valori, credenze e comportamenti ben definiti.

Superman ha delle caratteristiche ben precise e diverse da Batman, ad esempio.

Un personaggio pubblico ha un ruolo ben definito, che non corrisponde di certo alla persona reale, quindi ciò che viene proiettato sulla sua figura è in tutti gli aspetti uguale ad un personaggio inventato.
Assume quindi valenza simbolica.

L'archetipo viene assorbito dal simbolo > una parte del simbolo viene rappresentata dall'immagine.

Quando hai finito di leggere l'articolo, se ti fermi un attimo a rispondere con attenzione alla mia domanda, rischi di trovare delle risposte interessanti su te stesso.
Insomma, via, una mini sessione di auto-analisi.

Per tua comodita la ripropongo:

Qual è il tuo supereroe preferito?
Perché? Cosa rappresenta?

Cosa significa per te scegliere CONSAPEVOLMENTE di indossare la maschera di Batman, piuttosto che travestirsi da clown?

Quali sono le parti interiori che soffochi nella vita di tutti i giorni e che hanno bisogno di veder luce?

-Il paradosso

Il paradosso è che indossando una maschera diventi più REALE di quando non la indossi.

In realtà sei attratto dalle energie che scaturiscono dall'archetipo rappresentato da quel personaggio specifico, che fanno già parte di te.

Archetipo > Simbolo > Immagine

Un pò come facevano gli indiani d'America, che addirittura cambiavano il loro nome.

Quando indossi una maschera, molto probabilmente ottieni più libertà:
libertà di espressione e di comportamento, hai meno vincoli nei confronti degli altri.

Sei più libero dalle catene del contesto in cui ti trovi.

Lo trovi strano?

Molto semplicemente osserva, nella vita di tutti i giorni e in maniera molto banale, i profili Facebook:
non sarà forse anche per questo che molti usano i nickname?
..o le foto profilo che non coincidono con i loro volti?

OSSERVAZIONE E CONSAPEVOLEZZA

Quando ti capita, guarda con questo punto di vista "The Mask", un vecchio film di Jim Carrey, potresti scoprire delle cose interessanti.
Sull'argomento e su di te.
Sarà mica un caso che il personaggio interpretato da Carrey è un impiegato comune, che non riesce ad esprimere sé stesso come vorrebbe?

Beh,
di carne al fuoco ne ho messa parecchia.

Spero di esserti stato in qualche modo d'aiuto, anche per una minima riflessione.

Inoltre, se vuoi conoscermi meglio, ti invito a scaricare gratuitamente il mio e-book I Segreti dei Tarocchi, cliccando nell'immagine qui sotto

Ti è piaciuto? Scrivi un commento ;-)

Leave A Response

* Denotes Required Field